25 Aprile 2020: distanti ma uniti!

25 Aprile

Quest’anno, come tutti sapete, per la prima volta dalla fine della guerra non sarà possibile festeggiare tutti assieme fisicamente l’anniversario della Liberazione. Questo anniversario per noi antifascisti così importante, come se fosse il nostro Natale laico. Perché da quel giorno è nata l’Italia libera, l’Italia democratica e l’Italia antifascista. Un’Italia nuova che ha saputo esprimere attraverso la Costituzione la sua libertà. Ecco perché il 25 Aprile è tanto odiato e vilipeso da una parte della stampa e dell’opinione pubblica e puntualmente suscita polemiche.

Per questo motivo riteniamo sia ancora più importante festeggiarlo quest’anno, nonostante la lontananza fisica dei nostri corpi ma non certo quella dei nostri cuori antifascisti. Raccogliamo l’appello dell’ANPI Nazionale a ricordare il 25 Aprile dai nostri balconi, dalle nostre case, cantiamo tutti insieme Bella Ciao e sventoliamo il tricolore. Saremo in tanti e ci sentiremo ancora più uniti.

Le celebrazioni classiche e le iniziative ad esse collegate (ad esempio il ricordo dell’anniversario della morte di Gino Lombardi) sono rimandate a data da destinarsi, probabilmente a settembre. La nostra sezione ha deciso di omaggiare il 25 Aprile e di stare vicino a voi tramite la pagina Facebook e il sito, pubblicando le storie dei partigiani che hanno partecipato alla Liberazione, canzoni, fotografie ed estratti di pubblicazioni edite a cura del nostro Presidente prof. Giovanni Cipollini.

Abbracciamo tutti voi antifascisti e vi auguriamo un buon 25 Aprile!

Viva la Resistenza!